Stampa

Tigran Hamasyan - Atmosphères

Scritto da Nicola Barin on . Postato in Recensioni Cd

Tigran Hamasyan, giovane ma dotatissimo pianista di origine armena, si pone al centro di una registrazione della Radiotelevisione Svizzera a Lugano. Lo accompagnano Arve Henriksen alla tromba, Eivind Aarset alla chitarra e Jang Bang ai campionamenti. L'artista armeno si pone in un'ottica meditativa sfruttando la tecnica compositiva del puntillismo, prediligendo spesso il singolo suono di cui ne amplifica le dinamiche.


AtmosphèresTigran Hamasyan, giovane ma dotatissimo pianista di origine armena, si pone al centro di una registrazione nell'Auditorio della Radiotelevisione Svizzera a Lugano. Lo accompagnano Arve Henriksen alla tromba, Eivind Aarset alla chitarra e Jang Bang ai campionamenti.
L'artista armeno si pone in un'ottica meditativa sfruttando la tecnica compositiva del puntillismo, prediligendo spesso il singolo suono di cui ne amplifica le dinamiche.
Riusciamo a cogliere uditivamente il gesto musicale che noi possiamo solo immaginare. Il singolo effetto acustico ha più rilevanza della costruzione dell’intero brano. Timbri diafani e ripetitivi giocano mimando un orchestra assente, costruita quasi per gioco dai campionamenti/rumori di Bang (Traces I, Traces II).
Il jazz si amalgama con la tradizione musicale armena, qui espressa al suo meglio con la riproposizione di diverse composizioni, rilette in chiave sognante da Hamasyan, di Padre Komitas Vardapet, figura predominante della moderna musica armena.
Henriksen e Aarset si sposano perfettamente producendo risonanze inedite: dal timbro/flauto quasi sussurrato del primo alla chitarra che diventa che produce paesaggi sonori quasi impalpabili.
In "Shushiki" e "Hoy, Nazan", scritte da Komitas, Hamasyan e Henriksen riescono ad imprimere tutta la loro leggerezza impressionistica con una spontaneità ragguardevole.
Un lavoro che assimila improvvisazione e scrittura in maniera sapiente e sa proporci melodie accattivanti (Garun a, Tsirani Tsar) e brani estemporanei (Traces VI, Traces VII).

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna