Stampa

Gezmataz raddoppia con una piccola appendice autunnale

Scritto da Andrea Baroni on . Postato in Notizie

Gezmataz, il principale festival estivo genovese, raddoppia con una piccola appendice autunnale in programma per tre serate sul palco della sala LaClaque, presso il Teatro della Tosse di Genova, ed un programma che alterna nomi consolidati e stimolanti novità. Si parte nel segno della sicurezza, martedì 21 ottobre, con il duo Paolo Fresu e Dado Moroni, già protagonisti di un affollato concerto presso Palazzo Ducale nel 2013. Il pianista genovese condivide con Fresu diversi anni di musica, e scegliere la scaletta della serata, fra Brasile, canzone italiana e standards...


Gezmataz Gezmataz, il principale festival estivo genovese, raddoppia con una piccola appendice autunnale in programma per tre serate sul palco della sala LaClaque, presso il Teatro della Tosse di Genova, ed un programma che alterna nomi consolidati e stimolanti novità.
Si parte nel segno della sicurezza, martedì 21 ottobre, con il duo Paolo Fresu e Dado Moroni, già protagonisti di un affollato concerto presso Palazzo Ducale nel 2013. Il pianista genovese, che ha da poco pubblicato con Zenart Records “Kind of Bill”, un progetto dedicato a Bill Evans con i membri originali del trio Joe LaBarbera ed Eddie Gomez, condivide con Fresu diversi anni di musica, e scegliere la scaletta della serata, fra Brasile, canzone italiana e standards, sarà solo questione del feeling del momento.
Lunedì 27 ottobre il palco de LaClaque sarà per il TBC trio, formato da due musicisti genovesi, Marco Tindiglia, chitarrista e direttore del festival, e Rodolfo Cervetto alla batteria, che si uniscono al bassista algerino Michel Benita. L’idea nasce dalle numerose collaborazioni di Tindiglia con Cervetto e Benita, con il quale partirà in tournée la prossima primavera come nuovo membro del quartetto di Andy Sheppard.
Infine, venerdì 3 novembre di scena il quartetto Axiom del batterista Dejan Terzic con Chris Speed al sax, Bojan Z al pianoforte e Rhodes e Matt Penman al basso, per presentare il recente lavoro “Prometheus” pubblicato per l’etichetta Label CAM Jazz. Musica senza confini nelle composizioni del batterista bosniaco /germanico, che unisce un pulsante dinamismo ritmico ad atmosfere minimaliste e colori ambientali. Una scelta in linea con le più felici intuizioni degli organizzatori del festival, che ha sempre riservato sorprese e novità al proprio pubblico.
Accompagna la rassegna la mostra fotografica dedicata al workshop di fotografia di scena organizzato durante l’edizione 2017 di Gezmataz e coordinato da Donato Aquaro. Gli scatti rubati dagli allievi del workshop durante le serate dei concerti di luglio saranno esposti dal 21 ottobre al 3 novembre negli spazi de La Claque.
Prezzo del biglietto singolo € 15,00, abbonamento a tutte e tre le serate della rassegna € 40,00

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna