Stampa

Iseo Jazz 2017 - La casa del jazz italiano

Scritto da Redazione on . Postato in Notizie

Giunge al quarto di secolo la casa del jazz italiano che, in linea con la sua filosofia, prosegue la sua proposta legata ai musicisti nazionali di ogni tendenza e generazione. Si tratta di un festival unico nel suo genere, in cui gli aspetti culturali e la progettualità delle proposte sono al centro dell’iniziativa. Tra i numerosi progetti speciali, tre hanno come protagonista Thelonious Monk. 


Iseo Jazz 2017Giunge al quarto di secolo la casa del jazz italiano che, in linea con la sua filosofia, prosegue la sua proposta legata ai musicisti nazionali di ogni tendenza e generazione. Si tratta di un festival unico nel suo genere, in cui gli aspetti culturali e la progettualità delle proposte sono al centro dell’iniziativa. Dopo la consueta anteprima al festival dei laghi, con piani diversi, Iseo Jazz 2017 inizia ancora una volta il suo percorso da Palazzolo sull’Oglio, partner stabile della manifestazione, per poi approdare al suggestivo Lago Moro, che per il secondo anno fa approdare la rassegna a Darfo. Le quattro serate iseane avranno come scenari il Castello Oldofredi, il Sagrato della Pieve di Sant’Andrea e il Lido di Sassabanek, spazi storici di grande impatto scenografico.
Tra i numerosi progetti speciali, tre hanno come protagonista Thelonious Monk: il primo, commissionato al progettuale pianista bergamasco Claudio Angeleri, propone nuove composizioni ispirate al mondo monkiano. Il secondo, con al centro una delle voci più significative della scena italiana: Daniela Spalletta, presenta per la prima volta in vocalese le composizioni di Monk e le improvvisazioni eseguite sui suoi brani. Infine, un grande del sassofono quale Pietro Tonolo proietta nel sound contemporaneo, legato all’elettronica, i pezzi del grande maestro afroamericano.
Il sassofonista Roberto Ottaviano propone un nuovo progetto nel quale ripercorre la sua vicenda artistica, che parte da Steve Lacy e, attraversando un vasto universo sonoro, giunge al jazz sudafricano mentre di particolare suggestione sarà il concerto, sulle rive del lago Moro, con protagonista Enrico Intra, la voce e il sassofono del musicista sardo Gavino Murgia e le magiche pietre sonanti del compianto scultore Pinuccio Sciola che produrranno la loro vasta e inaudita gamma sonora grazie a Pietro Pirelli.
C’è ancora la Sardegna nel concerto del volto nuovo di Iseo 2017, la clarinettista e compositrice Zoe Pia, che fa rivivere i suoni della sua terra in un jazz assolutamente anticonvenzionale. Un importante ritorno è poi quello del gruppo Nexus, che arriva a Iseo con un ampio organico composto da maestri del’improvvisazione più radicale. Infine, un’altra prima assoluta a Iseo: il gruppo della vocalist Ada Montellanico (attualmente Presidente di MIDJ – l’associazione dei musicisti italiani di jazz), con al fianco Giovanni Falzone e tre musicisti della nouvelle vague del jazz nazionale per un omaggio alla cantante afroamericana Abbey Lincoln.
Protagonista di un progetto speciale e Premio Iseo 2017, Tullio De Piscopo, uno dei più autorevoli drummers europei, porterà per la prima volta la sua batteria a Iseo, proponendo un progetto fortemente legato al mondo della percussione e particolarmente attuale nelle sonorità. Il Premio destinato agli operatori è stato invece assegnato a Pino Saulo, responsabile del jazz a Radio Tre, che in maniera impagabile sostiene da sempre il jazz italiano e i suoi protagonisti.
Non manca la consueta presentazione editoriale, che avrà al centro un importante studio musicologico di Vincenzo Caporaletti e Benjamin Givan, a cui viene abbinato, in perfetta linea con il tema, un concerto del Gipsy Pocket Swing dedicato al mondo musicale di Django Reinhardt e Stephane Grappelli.Infine, la mostra di quest’anno ricorda due degli importanti centenari della storia jazzistica che cadono nel 2017: le nascite di Thelonious Monk e Dizzy Gillespie, con opere commissionate a una sensibile e originale pittrice quale Mariella Scandola, artista di fama internazionale vicina al mondo del jazz, che ha esposto in diverse rassegne jazzistiche, tra le quali Vicenza Jazz.
Ancora una volta, nel suo insieme, quello che si ascolta a Iseo jazz si può ascoltare solo a Iseo jazz.

Programma:

2 giugno Anteprima
Iseo, Festival dei Laghi, Sagrato della Pieve di S.Andrea, ore 21
INTRA-MOTTERLE-FRANCO
piani diversi
Enrico Intra e Massimiliano Motterle (pianoforte)
Maurizio Franco introduzione e commenti

9 luglio, ore 21
Palazzolo sull'Oglio, Palazzo Comunale
Roberto Ottaviano Trio
dal Sudafrica a Steve Lacy (progetto speciale del festival)
Roberto Ottaviano (sax soprano), Giovanni Maier (contrabbasso), Zeno De Rossi (batteria)
Claudio Angeleri Quartetto
Master Monk (progetto speciale del festival)
Gabriele Comeglio (sassofoni), Claudio Angeleri (pianoforte), Massimo Esposito (basso elettrico), Luca Bongiovanni (batteria)

10 luglio Darfo, Lago Moro, ore 21
Enrico Intra/Pietro Pirelli/Gavino Murgia
Le pietre sonanti – omaggio a Pinuccio Sciola
Enrico Intra (pianoforte), Gavino Murgia (sassofono, launeddas, voce), Pietro Pirelli (percussioni, pietre sonanti)

13 luglio, Iseo, Castello Oldofredi, ore 21
Gipsy Pocket Swing
Django Forever
Denis Alessio e Matteo D’Amico (chitarre), Martino Pellegrini (violino)
Vincenzo Caporaletti e Maurizio Franco presentano il libro
“Il Concerto per due violini di J.S. Bach nelle incisioni del trio Reinhardt, South, Grappelli. Una edizione critica” di Vincenzo Caporaletti e Benjamin Givan (LIM 2016)

14 luglio Iseo, Sagrato della Pieve di Sant'Andrea, ore 21
Daniela Spalletta Trio
Vocalese Monk (progetto speciale del festival in collaborazione con Atelier Musicale di Milano)
Daniela Spalletta (voce), Alberto Fidone (contrabbasso), Peppe Tringali (batteria)
Nexus settetto con Daniele Cavallanti e Tiziano Tononi
Alberto Mandarini (tromba), Daniele Cavallanti e Francesco Chiapperini (sassofoni), Gabriele Parrini (violino), Pasquale Mirra (vibrafono), Silvia Bolognesi (contrabbasso), Tiziano Tononi (batteria)

Iseo 15 luglio Lido di Sassabanek, ore 21
Zoe Pia Quartet
Shardana
Zoe Pia (clarinetto, launeddas), Glauco Benedetti (basso tuba), Roberto De Nittis (pianoforte, tastiere, kalimba), Sebastian Mannutza (batteria, violino)
Tullio De Piscopo Group
Un mondo di percussioni (progetto speciale del festival)
Fabio Visocchi (pianoforte), Gianluca Silvestri (chitarra), Cesare Pizzetti (contrabbasso), Tullio De Piscopo (batteria), Matteo Mammoliti (percussioni)

premio Iseo a Tullio De Piscopo e Pino Saulo

16 luglio Iseo, sagrato della Pieve di Sant'Andrea, ore 21
Pietro Tonolo ElectroMonk
(progetto speciale del festival)
Pietro Tonolo (sassofoni, flauto, flutax), Giancarlo Bianchetti (chitarra), Giovanni Giorgi (batteria, live electronics)
Ada Montellanico Quintet
plays Abbey Lincoln
Ada Montellanico (voce), Giovanni Falzone (tromba e arrangiamenti), Filippo Vignato (trombone), Matteo Bortone (contrabbasso), Ermanno Baron (batteria)

Iseo, 14 e 15 luglio, ore 18: incontri al castello con Enrico Intra (con trasmissione streaming per Teleboario))
14 luglio Riccardo Venchiarutti incontra Enrico Intra
15 Pierino e il Lupo per la prevenzione (con coinvolgimento della Croce Rossa e del Comune)

Mostra di Mariella Scandola: Monk, Dizzy e dintorni nei negozi del centro storico

Tutti i concerti sono a ingresso libero tranne quello del 15 luglio (15 euro)

Direzione artistica Maurizio Franco
Organizzazione: Musica Oggi & Sviluppo Turistico Lago d’Iseo-Sassabanek
Amplificazione CDpMSoundservice di Massimiliano Capellini
Iseo Jazz utilizza pianoforti SanMichele e batterie Le Soprano

(comunicato stampa)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna