Stampa

"Piani Paralleli": in arrivo il film che racconta la nuova "opera Jazz" di Giovanni Mazzarino

Scritto da Redazione on . Postato in Notizie

Venerdì 7 aprile alle ore 18 la prima assoluta, al Cinema Farnese di Roma, del film concerto “Piani Paralleli”: un progetto multimediale (oltre al film, un CD album e i concerti live) dedicato ai 30 anni di carriera e ai 50 anni di età del compositore e pianista Giovanni Mazzarino, una delle personalità di spicco del panorama jazz europeo, diretto dal regista Gianni Di Capua.


Piani ParalleliVenerdì 7 aprile alle ore 18 la prima assoluta, al Cinema Farnese di Roma, del film concerto “Piani Paralleli”: un progetto multimediale (oltre al film, un CD album e i concerti live) dedicato ai 30 anni di carriera e ai 50 anni di età del compositore e pianista Giovanni Mazzarino, una delle personalità di spicco del panorama jazz europeo. Il racconto emozionante per musica e immagini diretto dal regista Gianni Di Capua, di come è nata la nuova opera Jazz di Mazzarino, “Piani Paralleli”, suite di composizioni originali scritta per quartetto jazz e orchestra d’archi. L’album, prodotto ed edito dalla Jazzy Records, è già disponibile nei negozi e sulle piattaforme online (distribuzione IRD).
In 136 minuti il film racconta le cinque intense giornate di registrazione nella Fazioli Concert Hall, adiacente alla fabbrica dei pianoforti Fazioli a Sacile in provincia di Pordenone, insieme agli straordinari compagni di viaggio che Mazzarino ha fortemente voluto con sé e con cui ha già lungamente collaborato nel corso della sua carriera: il contrabbassista e compositore statunitense Steve Swallow, il batterista Adam Nussbaum, il trombettista Fabrizio Bosso e Paolo Silvestri, cui Mazzarino ha affidato l’arrangiamento e la direzione dell’Accademia D’Archi Arrigoni, orchestra da camera del Friuli, terra d’origine anche del sound engeneer Stefano Amerio, presenza ricorrente nelle produzioni Jazzy Records. Il regista Gianni Di Capua da tempo frequenta con la sua macchina da presa gli ambienti della musica contemporanea, raccontandoli con grande classe, passione e rigore di musicologo.
Nel film, le sessioni di prove e la registrazione live dell’opera: l’approccio dei musicisti con la scrittura e la personalità di Mazzarino, le conversazioni, l’amicizia, le paure, la consapevolezza di un momento unico e straordinario, la trasformazione delle partiture in materia sonora viva e vibrante. Ed infine, il concerto a porte chiuse, ripreso circolarmente con tre telecamere disposte intorno ai musicisti nel buio ovattato e denso di creatività della Concert Hall, scelta narrativa che ha conferito estrema spettacolarità alle immagini, in quanto lo spettatore viene trasportato, attraverso lunghi piani sequenza, proprio al centro della scena, al fianco dei musicisti, in un’avvincente condivisione di musica ed emozioni.
Leitmotiv del film, i pensieri più profondi di Mazzarino sulla sua estetica musicale. Piani Paralleli è un inno alla bellezza e all’armonia, espressione di un musicista che nell’attraversare tre decenni di Jazz ha fatto sintesi delle sue esperienze artistiche e di vita con una Suite dal forte tratto melodico, che trascende classificazioni ed etichette.
Giovanni Mazzarino: “In Piani Paralleli convivono tante estetiche. E' la summa delle mie esplorazioni musicali e dei miei ascolti, dopo tanti anni di viaggi sonori: dal barocco al romanticismo, da Bach al Bebop, dal Musical di Broadway alla musica sudamericana d'autore, dalla musica folk e popolare del Mediterraneo alla musica contemporanea, dai Beatles a Domenico Modugno, dai Pink Floyd all'Opera Lirica.”
La prima del film al Cinema Farnese di Roma vedrà la presenza di Giovanni Mazzarino e parte del cast. Un evento al quale seguiranno altre proiezioni nelle città italiane tra cui Milano, Bologna, Venezia, Padova, Pordenone, Firenze, Torino.
Il disco “Piani Paralleli” è una produzione della Jazzy Records, mentre il docufilm “Piani Paralleli” è una produzione Bliq Film Production, in associazione con Jazzy Records e Kublai Film, e con il prestigioso contributo della Film Commission del Friuli Venezia Giulia.


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna