Stampa

It’s Christmas on Mack Avenue

Scritto da Elfio Nicolosi on . Postato in Nuove uscite straniere

"It’s Christmas on Mack Avenue" presenta alcuni dei brani natalizi più amati, re-immaginati dall'eccellente roster di artisti dell'etichetta, tra cui Christian McBride, Cécile McLorin Salvant, Sean Jones, Aaron Diehl, Warren Wolf, Cyrille Aimée, Sachal Vasandani, Tia Fuller e Hot Club di Detroit.


It’s Christmas on Mack AvenueLa Mack Avenue, Records ha assemblato una stellare famiglia di artisti nel corso degli ultimi 15 anni, e qual'è l'occasione migliore per riunire la famiglia se non le Feste? "It’s Christmas on Mack Avenue" presenta alcuni dei brani natalizi più amati re-immaginati dall'eccellente roster di artisti dell'etichetta, tra cui Christian McBride, Cécile McLorin Salvant, Sean Jones, Aaron Diehl, Warren Wolf, Cyrille Aimée, Sachal Vasandani, Tia Fuller e Hot Club di Detroit.
"C'è una lunga tradizione di interpretazioni jazz di musica per le feste," dice il produttore Al Pryor, Vice Presidente Esecutivo di Mack Avenue. "Questo è il nostro contributo a questa tradizione."
Il Natale è profondamente radicato nella tradizione, ovviamente, ma le tradizioni si evolvono e sono costantemente reinventate da una generazione all'altra, una dichiarazione che può tranquillamente essere fatta anche per il jazz. La Mack Avenue, si è dimostrata una casa per gli artisti che rimangono radicati nella tradizione della musica, pur spingendo in avanti le loro strade individuali. "It’s Christmas on Mack Avenue", permette a questi musicisti di donare il proprio contributo per rallegrare il Natale.
"Il materiale che supera la prova del tempo è sempre aperto a meravigliose idee interpretative da parte degli artisti", dice Pryor. "Se si tratta di un grande pezzo, ci saranno molti modi diversi di interpretarlo, ma esso riuscirà ancora a mantenere la sua forza. Il pubblico può imparare molto sullo stile individuale di un artista e sulla sua capacità compositiva e improvvisazionale, ascoltandolo su materiale già conosciuto. Sentirli gestire qualcosa di cui siamo a conoscenza, è intrigante e ci permette di sapere qualcosa su quel artista e sulla sua personalità."
Tra i pezzi in evidenza c'è in particolare la divertente versione del Christian McBride Trio di “Santa Claus, Go Straight To The Ghetto.” di James Brown. Oltre al groove pieno di soul del pezzo, c'è il bassista che implora Saint Nick di visitare il suo vecchio quartiere di West Philly, citando alcuni isolati che tendono ad essere evitati dalle renne volanti alla vigilia di Natale, mentre nel finale si possono anche sentire le voci del resto del trio (il batterista Ulysses Owens, Jr. e il pianista Christian Sands), oltre a quelle di altri campioni della Mack Avenue come Warren Wolf e Cécile McLorin Salvant.
Poi c'è l'attraente versione di "Let It Snow! Let It Snow! Let It Snow!” di Cyrille Aimée. Abbastanza solare per resistere alla bufera di neve più dura, il battito delle mani della Aimée evoca un verde dicembre hawaiano, grazie anche al lavoro della chitarra tropicale di Michael Valeanu. "Cyrille esplora una serie di approcci diversi all'interno dello stesso brano,", dice Pryor. "E 'un bellissimo approccio, molto fresco."
All'altra estremità dello spettro c'è il brillante "Carol Of The Bells" di Warren Wolf, che evoca il rintocco delle campane in una notte d'inverno, attraverso i colori sgargianti del vibrafono solista di Wolf. Insieme al pianista Aaron Diehl, Wolf ricorda con nostalgia il Natale anche con il classico di Vince Guaraldi "Christmas Time Is Here", tema tratto da "A Charlie Brown Christmas". I Peanuts vengono anche rievocati in salsa gypsy-jazz grazie al Hot Club di Detroit, che riprende "Skating", un altro dei pezzi tratti da "Charlie Brown Christmas".
Diehl rivisita un'altro programma televisivo natalizio, con la sua versione solista di “Christmas Star” di John Williams, dalla colonna sonora di Home Alone. Il suo personale approccio, pur mantenendo intatta la familiare melodia, la riconfigura con un pizzico di stride di Harlem. Diehl poi accelera il ritmo sulla sua vivace e ritmicamente giocosa esplorazione di "Sleigh Ride", in trio con il bassista David Wong e il batterista Quincy Davis.
Il trombettista Sean Jones apre la celebrazione con una fanfara per il vecchio elfo nel vestito rosso. Il suo bollente "Santa Claus Is Coming To Town" presenta il pianista Orrin Evans, la sassofonista Tia Fuller, il bassista Luques Curtis ed il batterista Jerome Jennings, generando un spirito di festa in stile hard-bop. La Fuller passa poi sotto i riflettori con un "Little Drummer Boy" che porta in dono il sinuoso soprano del leader, mentre il batterista Kim Thompson ed percussionista Khalil Kwame Bell sostituiscono i caratteristici "pa-rum-pum-pum-pums" con intrecci ritmici che si rivelano molto più esotici e coinvolgenti.
Uno dei canti più amati della festa, "Silent Night", diventa una ballata lussureggiante nelle mani del Christian McBride Trio, che si avvicina al pezzo con il delicato silenzio della neve appena caduta. Il piano solo di Sands splendidamente cattura la toccante riverenza della canzone per la prima notte di Natale. Il vocalist Sachal Vasandani invece presenta una versione classicamente swingante di "Winter Wonderland".
Cécile McLorin Salvant chiude l'album con una nota piena di sentimento, il suo "Have Yourself A Merry Little Christmas" è un desiderio di vacanza offerto con le malleabili torsioni melodiche della cantante ed anche con una spiccata espressione teatrale.
"It’s Christmas on Mack Avenue" è il terzo album vacanziero dell'etichetta, dopo i due volumi di "Jazz Yule Love" pubblicate negli ultimi dieci anni. Come una annuale cartolina natalizia famigliare, questo album è un'istantanea di un'etichetta che è maturata e cresciuta con il passare degli anni, un'istantanea che però presenta alcuni degli artisti più famosi dei jazz moderno.
"Parte del nostro mantra alla Mack Avenue, è sempre stato quello di cercare di mantenere il meglio della tradizione, cercando di essere in prima linea delle nuove opportunità dell'era digitale", dice Pryor. "Non sempre è necessario rompere con la tradizione per apparire fresco e nuovo."


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna