Stampa

Nels Cline and Julian Lage - Room

Scritto da Elfio Nicolosi on . Postato in Nuove uscite straniere

E' in uscita oggi per l'etichetta Mack Avenue Records il nuovo album dei chitarristi Nels Cline e Julian Lage, dal titolo "Room". Il set-up di "Room" è molto semplice. Lage è sul canale sinistro, Cline a destra, e suonano quattro chitarre in totale. La musica è registrata dal vivo, senza sovraincisioni.


RoomE' in uscita oggi per l'etichetta Mack Avenue Records il nuovo album dei chitarristi Nels Cline e Julian Lage, dal titolo "Room". Il set-up di "Room" è molto semplice; Lage è sul canale sinistro, Cline a destra, e suonano quattro chitarre in totale, Cline una chitarra acustica Gibson Barney Kessel del 1965 ed una Gibson J-200 del 1962; Lage la sua solita Linda Manzer ed una Martin 000-18 acustica del 1939. La musica è registrata dal vivo, senza sovraincisioni.
Nels Cline è una grande forza sia come chitarrista che improvvisatore, sin da quando debuttò su disco nel 1978 e come leader nel 1988. Nominato da Rolling Stone come uno dei 20 "nuovi dèi della chitarra" ed uno dei 100 migliori chitarristi di tutti i tempi, Cline ha ottenuto la sua più grande fama come membro del famoso gruppo rock Wilco a partire dal 2004.
E' conosciuto per essere in possesso di un certo spirito sperimentale, del tipo che alle volte si può ascoltare nel suo straordinario trio Nels Cline Singers, con il quale ha pubblicato il ben accolto "Macroscope" proprio per Mack Avenue, all'inizio del 2014.
Ma nel corso di tutta la sua carriera, Cline ha intrapreso progetti, a volte duetti acustici o semi-acustici, che mettevano in evidenza anche un approccio intimo e riflessivo, che appare ugualmente centrale nella sua arte.
Con "Room", Cline ritorna alla Mack Avenue, per creare un mondo di bellezza melodica, ma anche con duri confini sonori e brillantezza tecnica, in compagnia di Julian Lage. A soli 26 anni, Lage ha portato una ventata nuova al mondo della chitarra jazz. Il New York Times loda il "disarmante spirito di generosità" della musica di Lage e prende atto dell'"aggrovigliato radicamento nel jazz, folk, musica classica e country" del giovane chitarrista. Oltre al suo lavoro con Mark O'Connor, con il compianto Jim Hall, Anthony Wilson e moltissimi altri, Lage dirige dei suoi gruppi innovativi, come documentato negli album "Gladwell" e "Sounding Point" (quest'ultimo consentì a Lage di ottenere una nomination ai Grammy).
Nel 2013 durante un "Q&A" con JazzTimes, Lage descrisse il suono del duo Cline-Lage come "potenza al 200 per cento", ed è questo esattamente ciò che ci giunge ascoltando "Room", una ispirata collezione di originali e pezzi in collaborazione, che attraversano l'intera gamma partendo da composizioni intricate e complesse per arrivare a momenti liberi e spontanei.
Cline costruisce sulla forza dei suoi precedenti lavori in duo con artisti del calibro di Vinny Golia, Zeena Parkins, Elliott Sharp, Thurston Moore, Carla Bozulich, Marc Ribot e del defunto bassista della West Coast, Eric Von Essen, a cui è dedicato lo splendido "Whispers from Eve". Lage, da parte sua, ha lavorato in duo con David Grisman, Martin Taylor, John Abercrombie, Taylor Eigsti e altri.
Cline e Lage rimangono alla chitarra acustica per concludere "Room" con "Calder", un riferimento al visionario scultore Alexander Calder. "Ho una scultura mobile di Calder che mia mamma mi spedì anni fa, quando mi trasferì di nuovo ad est," dice Lage. "E' nel mio appartamento e lo adoro. Così, siccome scrissi la melodia prima del titolo, che ho aggiunto più tardi, mi è sembrato che la presenza della scultura fosse adeguata allo stato del pezzo."
Su "Room" possiamo ascoltare due maestri della chitarra che seppure di generazioni diverse, paiono sentirsi a proprio agio in ogni ruolo immaginabile, riuscendo a soddisfare le terribili sfide poste da queste composizioni e dando tutto di se stessi al momento.
Nel "Q&A" di JazzTimes, Cline accreditò il duo di aver rivitalizzato il suo playing: "Ero distrutto dai concerti, esausto di me stesso .... E quando Julian ed io iniziammo a suonare insieme, prese a calci il mio culo duro. Allo stesso tempo, ha ispirato e rinfrescato la mia anima". E Lage rispose, "Lo stesso vale per me."