Stampa

Mike Stern - Trip

Scritto da Redazione on . Postato in Nuove uscite straniere

Il 3 luglio del 2016 la vita del chitarrista plurinominato ai Grammy, Mike Stern, è cambiata per sempre. A causa di una caduta rovinosa, che gli ha fratturato entrambe le braccia alla vigilia della partenza per un Tour europeo, la sua carriera ha subito un duro colpo d’arresto. Oltre alla frattura di entrambe le braccia, la caduta ha causato anche consistenti danni ai nervi della mano destra rendendogli impossibile compiere gesti quotidiani come impugnare un plettro. Dopo svariati interventi ed un importante percorso riabilitativo...


TripIl 3 luglio del 2016 la vita del chitarrista plurinominato ai Grammy, Mike Stern, è cambiata per sempre. A causa di una caduta rovinosa, che gli ha fratturato entrambe le braccia alla vigilia della partenza per un Tour europeo, la sua carriera ha subito un duro colpo d’arresto.
Oltre alla frattura di entrambe le braccia, la caduta ha causato anche consistenti danni ai nervi della mano destra rendendogli impossibile compiere gesti quotidiani come impugnare un plettro. Dopo svariati interventi ed un importante percorso riabilitativo, Stern è tornato sul palco nell’ottobre dello stesso anno insieme a Chick Corea in un tributo a Miles Davis durante i due mesi in cui il pianista è stato ospite fisso al Blue Note di Manhattan.
A causa degli strascichi dell’incidente ha dovuto suonare con un guanto che gli permetteva di reggere il plettro grazie ad un velcro. A novembre è partito per un Tour europeo con il suo amico di lunga data, il batterista Dave Weckl. Dopo un secondo intervento, Mike Stern ha iniziato ad incollarsi letteralmente il plettro alle dita per poter riacquistare la sicurezza e la velocità di esecuzione che da sempre costituiscono la sua cifra stilistica.
Appena si è sentito pronto Stern ha trascinato la sua band in studio per iniziare la lavorazione del suo diciassettesimo album da solista. Lo spiccato senso dell’umorismo e l’autoironia del chitarrista emergono in tutto l’album, a partire dal titolo, “Trip” (viaggio), passando per il brano “Screw” (viti: erano undici quelle sul suo braccio dopo il primo intervento) fino a “Scotch Tape and Glue” (Scotch e colla: il metodo che attualmente gli permette di tenere il plettro).
“Trip” vede al fianco di Stern i suoi colleghi di lunga data come i trombettisti Randy Brecker e Wallace Roney, i sassofonisti Bob Franceschini e Bill Evans, i bassisti Victor Wooten e Tom Kennedy ed i batteristi Dave Weckl, Dennis Chambers e Lenny White.

(comunicato stampa)


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna