Stampa

Bobby Watson - Made in America

Scritto da Elfio Nicolosi on . Postato in Nuove uscite straniere

Bobby Watson celebra alcuni dei contributi meno conosciuti, ma vitali, degli afro-americani su "Made in America", la sua prima registrazione per Smoke Sessions Records. Il sassofonista richiama l'attenzione sui pionieri in una varietà di campi, dalla politica alla cultura pop, dalla scienza allo sport. "Questo progetto è stato una lezione di storia per me e spero che sia una lezione di storia anche per gli ascoltatori".


Made in AmericaIl grande Bobby Watson celebra alcuni dei contributi meno conosciuti, ma vitali, degli afro-americani su "Made in America", la sua decisiva prima registrazione per Smoke Sessions Records. Il sassofonista e compositore richiama l'attenzione sui pionieri in una varietà di campi, dalla politica alla cultura pop, dalla scienza allo sport.
Queste composizioni sono ispirate da alcuni nomi che dovrebbero essere familiari agli appassionati di jazz - Sammy Davis, Jr. e Grant Green - ma anche da figure storiche più oscure come Wendell Pruitt, Butterfly McQueen, Major Taylor, Madam CJ Walker, Isaac Murphy, Bass Reeves e il dottor Mark Dean. Watson spiega: "Questo progetto è stato una lezione di storia per me e spero che sia una lezione di storia anche per gli ascoltatori".
Ogni pezzo dipinge un ritratto con spirito e sentimento, rimarcando ogni sfumatura dei suoi soggetti. L'ispirazione che Watson trova in questi dimenticati innovatori, ci giunge attraverso il playing suo e della band, per tutto il corso dell'album. Le radici di Kansas City di Watson brillano nello swing emozionante e nel groove impetuoso che ci riescono a regalarci una dannata lezione di storia.
Per questo progetto speciale, Watson ha arruolato alcuni collaboratori con i quali condivide una propria storia significativa: il bassista Curtis Lundy, il pianista Stephen Scott e il batterista Lewis Nash. Tutti e quattro insieme hanno collaborato con la grande cantante Betty Carter; ma l'album segna anche il gradito ritorno sulla scena di Scott, che è restato per gran parte in silenzio negli ultimi anni.
"Questo non è un tipico disco di jazz" conclude Watson. "Voglio provare, nel tempo che ho lasciato, a riflettere sulle cose che ho imparato sulla storia, sull'America e sul mondo e sulle persone che sono venute prima di me, e spero di connetterlo con alcuni dei nostri giovani e anziani, sia bianchi che neri".
"Made in America" è disponibile per il pre-ordine come CD de-luxe e come download digitale (tra cui Mastered per iTunes) e come download ad alta risoluzione. Ha anche una fotografia originale di John Abbott e le note di copertina di Lofton Emenari.

"Watson mostra una capacità più che rara di esprimere veramente non solo i sentimenti, ma anche tutto il suo bagaglio completo, attraverso il suo playing. Su "Made in America", sceglie di raccontare le storie di alcuni sottovalutati pionieri neri di tutte le sfere della vita ... Watson offre una lezione di storia, una lettera d'amore ed un capolavoro che le generazioni future potranno godere. È un ascolto meraviglioso." - Frank Alkyer, DownBeat

(tradotto liberamente dal comunicato stampa)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna