Stampa

Julian Lage - Arclight

Scritto da Redazione on . Postato in Nuove uscite straniere

E' stato pubblicato lo scorso 11 marzo “Arclight” che segna il debutto del chitarrista Julian Lage per l’etichetta Mack Avenue, nonchè la sua prima pubblicazione con chitarra elettrica, prodotto dalla cantante/scrittrice Jesse Harris ed in formazione con il contrabbassista Scott Colley e il batterista Kenny Wollesen. Lage è da molto tempo esaltato come chitarrista acustico per la sua tecnica prodigiosa.


ArclightE' stato pubblicato lo scorso 11 marzo “Arclight” che segna il primo disco del chitarrista Julian Lage per l’etichetta Mack Avenue, nonchè la sua prima pubblicazione con chitarra elettrica in trio, prodotto dalla cantante/scrittrice Jesse Harris (vincitrice di Grammy) e in formazione con il contrabbassista Scott Colley e il batterista Kenny Wollesen.
Lage è da molto tempo esaltato come chitarrista acustico per la sua tecnica prodigiosa. In effetti Lage è conosciuto nel circuito musicale sia da bambino e su di lui fu anche girato un documentario che ottenne una nomination all'Oscar nel 1997, “Jules At Eight”.
Da adulto, ha adempiuto la promessa del suo straordinario talento giovanile. Dopo aver pubblicato un disco intitolato “World’s Fair” nel 2014, caratterizzato da brani in larga parte originali suonati da solista con la chitarra acustica, la curiosità ha spinto Lage a riconsiderare la chitarra elettrica, specificamente una Fender Telecaster, “la più raffinata incarnazione della chitarra moderna", come dice lui. “La Telecaster è stata protagonista della scena musicale per più di 60 anni”, dice Lage, “ed è ancora ben presente. Arclight si concentra sul mio amore per la chitarra elettrica, in particolare la Telecaster”.
Suonare quella specifica chitarra ha anche un lato affettivo che si ricollega all’ l'infanzia di Lage: quando aveva quattro anni, suo padre, un artista, gli aveva fatto una chitarra di compensato ricalcando quella di Bruce Springsteen.
Lage ha suonato quella chitarra finchè il padre non gliene comprò una vera, un anno dopo. Allo stesso modo, la sezione ritmica all-star di Lage in Arclight ricorda i suoni, i gruppi musicali e i concerti che lo hanno ispirato, da giovane musicista.
Anche se fino ad ora Lage ha in gran parte registrato e suonato materiale originale, in Arclight ha voluto esplorare le sue capacità interpretative, concentrandosi sulla musica della prima metà del 20 ° secolo, “il jazz prima del be-bop”, includendo pezzi come "Nocturne" di Spike Hughes o "Harlem Blues" di W.C. Handy, ed un pezzo di piano roll di Gus Kahn-Neil Moret.
Il resto dell'album è costituito da originali, che, come fa notare Lage, "celebrano un altro periodo di cui sono ossessionato, il periodo del quartetto americano di Keith Jarrett, un'epoca di jazz di improvvisazione che ha avuto un collegamento così ricco di canzoni e di musica popolare. Questo fu il concetto dietro l'album".