Stampa

Andrea Pozza - Siciliana

Scritto da Redazione on . Postato in Nuove uscite italiane

“Siciliana” è il nuovo album di Andrea Pozza pubblicato a gennaio 2016 per l’etichetta l’inglese Trio Records, uscito in contemporanea in Italia, Inghilterra e Giappone e realizzato in trio con Andy Cleyndert al contrabbasso e Mark Taylor alla batteria, due tra i più importanti e quotati musicisti della scena jazzistica inglese ed americana, che collaborano assieme in Inghilterra da oltre 5 anni.


Siciliana“Siciliana” è il nuovo album di Andrea Pozza pubblicato a gennaio 2016 per l’etichetta l’inglese Trio Records, uscito in contemporanea in Italia, Inghilterra e Giappone e realizzato in trio con Andy Cleyndert al contrabbasso e Mark Taylor alla batteria, due tra i più importanti e quotati musicisti della scena jazzistica inglese ed americana. 
I tre musicisti collaborano assieme in Inghilterra da oltre 5 anni e si sono esibiti nei più importanti teatri e club londinesi – dal Ronnie Scott’s, al “606”, al Bull’ s Head e molti altri ancora. Per la prima volta hanno deciso di registrare e pubblicare un album dopo i successi ottenuti durante i loro tour nel Regno Unito e in Italia.
L’album comprende undici tracce: «Abbiamo scelto il repertorio – racconta Andrea Pozza – pensando ai pianisti-compositori che amiamo in modo particolare. Per la sua bellezza ho scelto la “Siciliana” di Bach, che da il titolo al cd: una melodia che ogni compositore avrebbe voluto scrivere e che ho arrangiato in chiave jazz.
Dopo questa incursione nella musica classica abbiamo arrangiato brani di grandi pianisti della storia del Jazz: “Bolivia” di Cedar Walton, a cui mi sento particolarmente legato avendolo suonato per tanti anni nel gruppo di Tullio Da Piscopo; “Quiet Now” di D. Zeitlin, reso celebre da Bill Evans, arrangiato per far risaltare le doti bassistiche di Andrew Cleyndert. Abbiamo cercato di spartirci le melodie per sfuggire per quanto possibile alla classica stesura da trio dove il piano espone la melodia e fa il primo assolo, cercando di dare eguale spazio anche a basso e batteria. Un altro brano esposto dal contrabbasso di Andrew Cleyndert è “Dat There” di Bobby Timmons, mentre “My One And Only Love” è classicamente esposto in piano solo prima dell’ entrata di basso e batteria.
Nonostante manchino inevitabilmente tanti maestri del pianoforte jazz – Andrea Pozza è un fiume in piena e racconta – non potevamo escludere Billy Strayhorn, né la sua “Isfahan”; Bud Powell, del quale suoniamo “Celia”, brano sulla struttura rhythm changes; e di Thelonius Monk, del quale abbiamo scelto “We See”, brano che non si ascolta sovente, ma intrinsecamente pieno di swing.
Tra i grandi compositori dei giorni nostri abbiamo scelto Chick Corea del quale proponiamo “Windows” con un particolare arrangiamento di Andrew Cleyndert con cambi di tempo e di tonalità. Compaiono infine, – conclude Andrea Pozza – anche due mie composizioni: “Fleeting Visions”, che avevo inciso nel mio primo cd in trio e che già da un po’ avevo voglia di risuonare e “Tango For Sebastian”, brano dedicato a Bach e costruito sulla struttura armonica del tema della Variazioni Goldberg in tonalità minore».
Andrea Pozza ha una solida carriera nazionale ed internazionale che lo ha visto protagonista in Estremo Oriente, in America ed in Europa. Pianista genovese è attualmente riconosciuto dalla critica e dal pubblico come una delle personalità più rappresentative in ambito jazz attualmente in circolazione. Musicista eclettico capace di affrontare con grande disinvoltura qualsiasi repertorio, è sia leader carismatico sia partner ideale per grandi artisti che trovano in lui empatia e innato interplay. Andrea Pozza ha debuttato a soli 13 anni e da allora si è esibito al fianco di alcuni “mostri sacri” della storia del jazz: Harry “Sweet” Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, George Coleman, Charlie Mariano, Lee Konitz, Sal Nistico, Massimo Urbani, e molti altri ancora. Intensa la sua attività concertistica che lo porta costantemente in tour in Italia e in Europa, dalla Gran Bretagna alla Svizzera, dalla Germania al Portogallo, alla guida delle formazioni a suo nome. Pozza collabora stabilmente, tra gli altri, con Enrico Rava, Fabrizio Bosso, Scott Hamilton, Steve Grossman, Tullio DePiscopo, Dado Moroni, Ferenc Nemeth, Bob Sheppard, Antony Pinciotti, Furio Di Castri e tanti altri.


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna