Stampa

Raffaele Casarano - Medina

Scritto da Redazione on . Postato in Nuove uscite italiane

Raffaele Casarano, vulcanico sassofonista salentino e direttore artistico del Locomotive festival pubblicherà  ha pubblicato il suo nuovo album Medina lo scorso 18 settembre per la Tuk Music di Paolo Fresu (distribuzione Ducale Music), diventata ormai la sua casa ideale. L’album, il terzo pubblicato per la Tuk e quinto della sua carriera, muove i passi dall’intimismo del precedente Noé per esaltarne la poesia.


MedinaRaffaele Casarano, vulcanico sassofonista salentino e direttore artistico del Locomotive festival pubblicherà ha pubblicato il suo nuovo album Medina lo scorso 18 settembre per la Tuk Music di Paolo Fresu (distribuzione Ducale Music), diventata ormai la sua casa ideale.
L’album, il terzo pubblicato per la Tuk e quinto della sua carriera, muove i passi dall’intimismo del precedente Noé per esaltarne la poesia grazie ai magnifici arrangiamenti dell’Orchestra Sinfonica Tito Schipa di Lecce, diretta dal Maestro Alfonso Girardo, che lo accompagna in questa nuova avventura, assieme a Mirko Signorile al piano, Marco Bardoscia al contrabbasso, Cristiano Calcagnile alla batteria, Alessandro Monteduro alle percussioni ed Erik Honorè all’elettronica.
Affascina l’equilibrio mirabile tra le varie anime, frutto dell’intuizione di Casarano di tracciare un canovaccio dove le singole parti potessero esprimersi liberamente ma in maniera coerente, e la sua meticolosa regia in un progetto ambizioso come Medina ci dà prova della piena maturazione artistica.
La copertina è firmata da Anna Sutor, architetto e illustratrice che ha lavorato negli studi di Rem Koolhaas e Norman Foster, e ritrae Venezia, una Venezia che nelle intenzioni di Casarano si trasforma in Medina, un luogo di incontro e scambio tra saperi delle più svariate provenienze.

Per noi Medina è il mondo che si muove. Un dedalo di strade immaginarie dentro le quali perdersi e ritrovarsi. Medina è sinonimo di una civiltà contemporanea alla perenne ricerca del nuovo. Un luogo dove convivere barattando saperi come nella Venezia di Marco Polo: città regale legata alla terra grazie al mare e luogo dalle mille calli e dalle mille fedi.
(Raffaele Casarano)