Stampa

When I'm fall in love

Scritto da Elfio Nicolosi on . Postato in Non categorizzato

Quale artista l’ha fatta innamorare del jazz?

«Louis Armstrong, lo sentivo alla radio da bimbo. Poi ho avuto un’epifania americana, come con i libri: da un lato ho scoperto Hemingway e Steinbeck e dall’altro il senso cameristico di Mulligan e la potenza moderna di Kenton, poi Parker che fu uno choc, Mingus e il Modern Jazz Quartet, sottovalutato. John Lewis includeva nella sintassi del bebop, senza rinunciare alle radici, la lezione europea e la musica classica. Ma spesso si sottostima quanto il jazz debba a Stravinskij o quanto Miles Davis si sia riferito a Bartók, o Kenton a Ravel. Io poi ho guardato anche a chi stabiliva percorsi stimolando i musicisti, da Ellington a Count Basie, e in più ho avuto la fortuna a Milano di vedere dal vivo Young, Getz, Powell…».

Dino Betti

Fonte: https://www.avvenire.it/agora/pagine/standard

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna