Stampa

Fred Hersch: My Coma Dreams

Scritto da Elfio Nicolosi on . Postato in Articoli

Lo scorso 25 novembre, l'etichetta Palmetto Records ha pubblicato il DVD "My Coma Dreams", tratto da una presentazione multimediale basata sui ricordi e sui sogni del pianista Fred Hersch nei due mesi che trascorse in coma, a causa di un grave attacco di polmonite che gli aveva procurato uno shock settico.


My Coma DreamsEra l'estate del 2008 quando Hersch, malato di Aids sin dal 1986, fu accompagnato di corsa dal suo partner al St. Vincent's Hospital di Manhattan. Una lieve tosse si era trasformata in una grossa infezione che aveva causato un arresto di tutti gli organi del suo corpo. I medici per precauzione lo portarono in uno stato di coma indotto farmacologicamente.
Nel corso dei successivi due mesi di coma, Hersch entrò in un mondo di sogni molto personale, pieno di vivide esperienze di confinamento e di liberazione, di comicità surreale ed ineguagliabile bellezza. Si ritrovò all'interno di cattedrali silenziose; intrappolato in una gabbia accanto ad una leggenda del jazz come Thelonious Monk; sballottato per tutta una notte all'interno di un furgone in fuga; o mentre balla il tango in un aereo incredibilmente lussuoso.
Ma quando dopo due mesi emerse dal coma, incapace di camminare o parlare e tanto meno sedersi davanti ad un pianoforte, Hersch ebbe a disposizione la materia prima per la sua impresa creativa più ambiziosa, quella di trasformare questi sogni in un emozionante e scioccante spettacolo teatrale multimediale dal titolo altamente evocativo: "My Coma Dreams", in gran parte basato proprio sulle vivide visioni sensoriali che il pianista aveva sperimentato durante il periodo della sua incoscienza, che fu presentato per la prima volta nel 2011 alla Montclair State University nel New Jersey.
"Di solito non mi ricordo dei sogni, ma questi sono rimasti in me in maniera molto dettagliata, gli odori, le trame, i colori", ha detto Hersch. "Sono rimasti con me durante i mesi in cui non riuscivo a camminare, parlare e deglutire. Sono rimasti con me fino all'inverno, quando sono tornato a casa dalla riabilitazione, e a questo punto ho dovuto semplicemente scriverli. Sono passato da questa terribile esperienza di quasi morte e come artista era logico che usassi ciò che mi era stato donato".
Hersch ha scritto ed eseguito le musiche per lo spettacolo, accompagnato da una band di 11 elementi che include John Hollenbeck, Jon Hébert e Ralph Alessi, oltre ad un quartetto d'archi. Lo spettacolo, concepito, scritto e diretto dal compositore, librettista e regista, vincitore di Grammy Award, Herschel Garfein, combina musica, recitato, le animazioni di Sarah Wickliffe e immagini al computer di Eamonn Farell, per raccontare la vera storia dei due mesi che Hersch ha trascorso in stato di coma.
Gran parte dello show è incentrato sugli otto sogni che Hersch ha ricordato dopo l'uscita dal coma, contrapposti alle esperienze del suo partner, mentre "combatte tra il panico e la disperazione nel cercare di raggiungerlo attraverso il mare dellla consapevolezza, e il dover affrontare allo stesso tempo anche la complessità del mondo reale della sua assistenza medica."
Il grande attore Michael Winther interpreta i sentimenti e le azioni di tutti i personaggi, non solo dello stesso Hersch, ma anche del compagno Scott Morgan e del suo medico Michael Liguori.
"E' stata tutta opera di Herschel", dice Hersch. "Avevo immaginato alcuni elementi visivi, sulle quali Sarah Wickliffe ha creato alcune bellissime animazioni. Ma lui ha immaginato lo scenario e scritto il libretto. In definitiva si tratta anche della storia di un amore. Non sarei potuto sopravvivere se Scott non si fosse dedicato alle mie cure a tempo pieno, e questa è una componente molto importante."
Benchè la musica abbia naturalmente un ruolo molto importante nello svolgimento dell'opera, come accompagnamento di tutto il periodo della malattia di Hersch, partendo da una selvaggia libera improvvisazione del basso di Jon Hébert e per terminare con un delicato solo al piano su "The Orb", che raffigura il momento in cui i suoi cari riescono a tirarlo fuori dallo stato di incoscenza, la maggior parte del testo di "My Coma Dreams" viene recitato più che cantato.
"Non vogliamo che la gente si aspetti un concerto jazz di Fred Hersch o un musical ", dice Hersch. "C'è solo una canzone intera e dura nove minuti. C'è più musica di quello che normalmente si trovi in un pezzo teatrale, e tratti più lunghi di testo di quello che normalmente si trovi in una opera musicale."
Per molti versi la storia più straordinaria è il recupero post-coma di Hersch. Ha ricominciato a suonare in pubblico solo pochi mesi dopo essere tornato a casa dalla riabilitazione, benchè avesse ancora un tubo di alimentazione collegato al suo stomaco, dato che stava ancora re-imparando a deglutire.
Attraverso un feroce e tenace impegno ha riacquistato la muscolatura che aveva perso e recuperato le sue mani. Il suo unico effetto fisico persistente è che la sua corda vocale destra è ancora paralizzata, il che significa che non può più cantare quando compone (una danno maggiore di quanto si possa immaginare). Pur continuando a monitorare la sua salute, Hersch è tornato ad essere il solito turbine creativo ed il suo playing è sempre molto ispirato, come dimostra il suo ultimo bellissimo album "Floating" pubblicato quest'anno.
In "My Coma Dreams" questo miracoloso recupero, inizia quando il suo terapista consiglia Hersch di guardarsi in uno specchio e cercare di "non distogliere lo sguardo". La risposta di Hersch alla vista della sua vera immagine è la seguente: "Questo non posso essere io". E poi, verso la fine dello spettacolo, in uno dei momenti più toccanti, Fred Hersch si alza dal piano e si dirige verso il centro della scena per diventare il riflesso che Winther (nei panni di Hersch) vede nello specchio.
Il DVD, filmato durante uno spettacolo alla Columbia University nel 2013, è stato pubblicato in tempo per onorare la giornata mondiale contro l'AIDS il 1° dicembre, e tutti i proventi saranno devoluti a Treatment Action Group, un "think tank" che cerca di trovare un trattamento migliore, un vaccino e una cura contro l'AIDS.


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna