Stampa

L’influenza afro-cubana e il “latin tinge” nel jazz (quarta parte)

Scritto da Riccardo Facchi on . Postato in Articoli

Il Latin Jazz si è espanso dagli anni ’60 in poi molto velocemente e in tutte le direzioni del mondo, divenendo musicalmente troppo esteso ed entrando negli interessi musicali di moltissimi jazzisti. Ne indichiamo solo alcuni, a mio avviso i più rappresentativi per tale ambito.

Herbert Jay Solomon, meglio noto come Herbie Mann (1930 – 2003), americano di origini ebree, tra i più noti flautista del jazz, va compreso nell’alveo dei jazzisti che si sono interessati ai ritmi latini. Dal 1958 Mann aggiunse, infatti, al suo gruppo un suonatore di conga e iniziò ad utilizzare elementi di musica latina nei suoi progetti musicali (“Latin Mann”-1965). Nel 1961, dopo un tour nel Brasile, iniziò a registrare con musicisti brasiliani dischi del genere bossa nova. Mann fu poi uno dei primi sperimentatori ad unire jazz e world music, con registrazioni anche in stile reggae, Medio Orientale (1966 e 1967), e dell'Europa dell'Est.
Il rapporto di Charles Mingus (1922-1979) con la musica latina è un intreccio che si riscontra frequentemente nella sua discografia, anche a livello di utilizzo di singoli brandelli tematici o ritmici, ma non tanto con i ritmi afro-cubani o caraibici, quanto più con quelli messicano/ispanici legati al Flamenco (“Tijuana Moods” – 1957) e colombiani (“Cumbia e Jazz Fusion” – 1978). D’altronde sono ben pochi i campi musicali e culturali che Mingus non abbia frequentato nella sua carriera, fagocitando con grande arte fonti di ispirazione le più diverse, sapendole utilizzare e ricomporre magistralmente, per mezzo del suo originalissimo, pressoché unico, genio compositivo.
Un discorso analogo si potrebbe fare con Chick Corea, molto legato compositivamente al flamenco, interessato alla rumba (Rumba Flamenco) e al tango, più che ad un ambito esclusivamente caraibico.
Persino un insospettabile Eric Dolphy (1928-1964) ha fatto esperienze in ambito di ritmi latini con un paio di album dedicati al genere, seppur marginali nella discografia del geniale multistrumentista, dai titoli “Caribé” registrato nel 1960 per la Prestige/NewJazz assieme al Latin Jazz Quintet e, appunto, “The Latin Jazz Quintet” per la United Artists, l’anno successivo. Curioso ascoltare come l’inconfondibile fraseggio angolare di Dolphy si misceli con una più convenzionale ritmica latina.
Chi invece si è sempre trovato a proprio agio e ha saputo inserire brillantemente i ritmi latini e caraibici in una concezione più avanzata del jazz, senza forzature o esotismi di sorta, è Joe Henderson (1937-2001), anche se bisogna sottolineare che molti protagonisti del movimento hard-bop e del successivo modern mainstream hanno manifestato rapporti non occasionali con tali fonti, rilevabili nelle diverse discografie. Ciò non deve sorprendere, in quanto tutto il movimento dello hard–bop ha mostrato sin dagli inizi la volontà di rivolgersi alle radici africane, con particolare attenzione per quelle ritmiche. Da Art Blakey e Horace Silver, a Kenny Dorham e Lee Morgan, sino a Freddie Hubbard e Woody Shaw (quest’ultimo non a caso fido collaboratore in diversi progetti discografici di Henderson), solo per citare, non è in verità possibile (e forse nemmeno utile) stare a specificare singoli contributi. Le partecipazioni di Henderson in qualità di sideman con Kenny Dorham (“Una Mas”, “Trompeta Toccata”) e con Freddie Hubbard (citabile un “Cunga Black” contenuto in “Blue Spirtis”, con un breve, splendido assolo di Henderson tutto giocato sul ritmo), rivelano un interesse non casuale per i ritmi latini, ma rilevabile anche nella sua discografia da leader: “Recorda-me” in “Page One”, “El Barrio” in “Inner Urge”, ma, soprattutto, “Caribbean Fire Dance” in “Mode for Joe”, tutti registrati per la Blue Note negli anni ’60. Di quest’ultimo brano, in particolare, verrà registrata una infuocata versione “live” nel 1970 al Lighthouse Café in California, con il magico combo comprendente Woody Shaw alla tromba, considerabile uno dei più rappresentativi gruppi in ambito di modern mainstream.
Ray Mantilla, con oltre cinquant'anni di attività, ha contribuito a portare il suono delle percussioni afro-cubane nel XXI secolo. Ha suonato con grandi jazzisti come Charles Mingus, Max Roach, Cedar Walton e Bobby Watson, ma oggi descrive la sua musica semplicemente come “latin jazz con autentici ritmi latini”. Ha infatti suonato con il meglio dei musicisti latini in circolazione: da Gato Barbieri a Ray Barretto, da Eddie Palmieri a Tito Puente. Oggi con i gruppi “Space Station” e “Jazz Tribe“ porta avanti un discorso da leader. Mantilla era giovanissimo negli anni ’40, quando a New York la musica era in fermento creativo e invadeva ogni strada, ogni quartiere. In una recente intervista Ray si racconta: “Ho iniziato a suonare le conga ascoltando i dischi, collezionando musica cubana e ballandola. A New York era pieno di musicisti afro-cubani. Poi ho preso lezioni dai musicisti della band di Machito. Dopo un po' ho iniziato a suonare anch'io nel giro di New York, dove ho avuto la fortuna di conoscere Ray Barretto. Ci siamo intesi subito e abbiamo iniziato a suonare insieme in jam session. Lui applicava le sue conga al be bop, però mi ha anche insegnato ad avere sempre la clave in mente. Abbiamo suonato anche insieme la Descarga moderna. Ray mi ha aiutato a incidere il primo disco: lui suonava le congas e io i bongos. Con questa formula mi ha portato alla prima vera grande incisione, con Herbie Mann. Con lui nei primi anni ‘60 avevamo l'agenda piena di date, suonavamo al Village, e nei locali di New York e poi incidevamo tantissimi dischi”. Nella sua carriera da session man, prima di acquisire statura da leader, Mantilla ha collezionato collaborazioni a incisioni storiche, come “Freedom Now Suite”, il grido di lotta per i diritti civili voluto da Max Roach, con il quale farà poi parte del “M’Boom”, una band composta dal gotha dei maestri percussionisti americani. Un altro momento importante è stato sicuramente quello del tour cubano voluto nel 1977 da Gillespie, con Stan Getz e Mantilla, aggirando l'embargo imposto dal governo americano. Insieme visitarono l'isola e suonarono con i musicisti locali (tra cui Arturo Sandoval e Paquito D'Rivera, poi emigrati negli States) in concerti e jam sessions senza fine. Nel 2002 “Fifty Years of Mambo”, segna un ritorno al passato, con un omaggio discografico a Pérez Prado, ritrovando alcune glorie della percussione afro-cubana: Cándido Camero, Paquito Hechevarría e Tony Barrero. Nello stesso periodo, suona con Steve Grossman e in diversi dischi con Bobby Watson , conosciuto ai tempi della militanza con Blakey.
Gato Barbieri, argentino di Rosario classe 1932, particolarmente noto agli italiani per la sua costante presenza nel nostro paese negli anni ’60, ha rappresentato con le sue splendide registrazioni di inizio anni ’70, una delle più moderne e originali fusioni tra jazz e musica latina, in particolare tra una concezione modale derivata da Coltrane, il free jazz e le musiche del cosiddetto “Third World” sudamericano. Pertanto i suoi progetti musicali del periodo fanno decisamente più riferimento alle culture andine del Cile, del Perù e della Bolivia, al Tango argentino e al Samba brasiliano, che non ai ritmi e profumi afro-cubani, peraltro già citati parlando di Chico O’Farrill e del disco “Chapter Three: Viva Emiliano Zapata”.
Cedar Walton (1934-2013), figura importante dell’hard-bop, scomparsa recentemente, ha spesso manifestato in carriera interesse per la musica dell’area latina, affrontandone il repertorio e ispirandosi anche a livello compositivo (“Latino America”, “The Vision”, “Latino Blù”), sempre nella prospettiva da jazzista autentico, ma con grande proprietà nell’utilizzo di quel linguaggio. Molto riuscito è un disco registrato proprio con Mantilla e Chucho Martinez al basso (“Latin Tinge”, 2002 - Heart Note) tutto basato su un ampio repertorio latino, comprensivo di celebri canzoni come “Besame Mucho”, “Perfidia”, “Serenata” e “Tres Palabras”
Bob Mintzer, grande tenorsassofonista di oggi, compositore apprezzato, moderno arrangiatore, oltre che leader da anni di una delle più interessanti e aggiornate big band sulla scena, ha accumulato nei suoi primi anni di professione significative esperienze formative in ambito di latin jazz con Tito Puente e Eddie Palmieri e persino fatto uno sporadica registrazione con il mitico Mario Bauzà. Memore in particolare della sua esperienza con l’orchestra di Tito Puente agli inizi degli anni’ 70, ha registrato a fine anni ’90 un intero progetto dedicato alle musiche latine, dal titolo “Latin from Manhattan“ (1998-DMP), contenente un notevole nuovo arrangiamento di “Oye Como Va”, ma anche ben nove nuove composizioni sul genere latin.
In un ambito più specificatamente Latin Jazz, sono invece da considerare le figure dei fratelli Jerry e Andy Gonzales (trombettista e percussionista il primo, bassista il secondo), che dopo aver fatto esperienze con le formazioni di Eddie Palmieri e Tito Puente, hanno contribuito dagli anni ’80 a portare la fusione tra salsa e jazz ad un nuovo livello di integrazione.
Nel Jazz contemporaneo molti sarebbero i musicisti citabili, che per scelta estetica o per provenienza geografica talvolta attingono alla tradizione dei ritmi caraibici e latini prendendoli a spunto per la generazione di nuove commistioni e nuove musiche: Roy Hargrove, David Murray, Pat Metheny, Conrad Herwig, Danilo Perez, David Sanchez, Ed Simon, Antonio Sanchez e molti altri che sicuramente rischiamo di dimenticare. Tra questi occorre almeno citare Arturo O’Farrill, figlio d’arte, che, con la sua “Afro Latin Jazz Orchestra”, continua la tradizione della scrittura orchestrale paterna fondendola con i suoni odierni, provenienti, ad esempio dal mondo dei rapper (They Came). Steve Coleman che da anni svilluppa la propria musica esplorando ritmi e poliritmi di ogni genere, in particolare quelli di origine africana. Citabile, a proposito, l’interessante suo progetto “The Sign and the Seal”, con la presenza di un gruppo ritmico cubano chiamato “Afrocuba de Matanzas”. Andando poi nella attualità stretta, si potrebbe considerare ciò che sta facendo Jacques Schwartz Bart con “Jazz Racine Haiti”e tutto ciò senza contare la presenza di etichette discografiche dedicate al genere come la Concord Picante o la Zoho che ne tengono viva l’attenzione.

Il ramo cubano
E a Cuba nel frattempo che è successo? Le jazz band a Cuba hanno cominciato a formarsi sin dagli anni ‘20. Il già accennato interscambio musicale tra L’Avana e New Orleans è stato in realtà reciproco e ha generato a Cuba band che miscelavano a loro volta il jazz con la cultura musicale cubana. Tuttavia la fusione non è stata così marcata e per alcuni decenni il processo di commistione è stato più lento e silenzioso rispetto a quello avvenuto negli States. Quando si è venuto a consolidare, ha portato i suoi frutti, con la comparsa di importanti musicisti cubani che si sono imposti sulla scena jazz, sino a quella odierna. Allo stesso tempo, questo periodo rappresenta il culmine di una serie di sforzi individuali e collettivi che si concluderà con la formazione de l'Orquesta Cubana de Música Moderna”. Il principale risultato di questa nuova ondata di musicisti è stato Irakere. Con Irakere, una nuova era nel jazz cubano inizia nel 1973, che si estenderà sino ad oggi. Irakere è stato in parte un prodotto della Orquesta. Tra i fondatori di Irakere c’erano anche il pianista Chucho Valdés e il sassofonista Paquito D'Rivera, che conobbe Valdés negli anni di conservatorio, iniziando così la sua avventura nel jazz. Paquito entra nel 1963 nell'orchestra del Teatro Musical de L'Avana. Nel 1967 fonda con Valdés “l'Orchestra Cubana de Musica Moderna”, divenendone direttore artistico. Qualche anno dopo, sempre con Valdés, partecipa alla creazione di Irakere. Nel 1976 registra in duo con il bassista danese Niels Pedersen e nel 1980 lascia definitivamente Cuba per stabilirsi a New York. Nella Grande Mela lavora con McCoy Tyner, Dizzy Gillespie, George Coleman, Tito Puente e Astor Piazzolla. Dirige la sua band “Havana/New York Ensemble” che diviene una fucina di giovani talenti come Michel Camilo, Danilo Perez, Hilton Ruiz e Claudio Roditi. In questi anni predilige le collaborazioni con musicisti di estrazione latin e squisitamente jazz come Chick Corea. Nel 1989 entra nell'orchestra delle Nazioni Unite diretta da Dizzy Gillespie e quattro anni dopo ne eredita lo scettro. Nello stessa anno mette insieme i musicisti cubani degli ultimi quarant'anni e nel 1994 ricolloca nella storia il pianista cubano Bebo Valdés. Nel 1995 incide con il “Caribbean Jazz Project” e quattro anni dopo pubblica l'autobiografia “Mi vida saxual”.
Tra i membri di Irakere c’è stato anche il trombettista Arturo Sandoval. Figlio di un meccanico, Sandoval ha preso in mano la tromba classica a 12 anni e si è iscritto alla Scuola Nazionale Cubana delle Arti a 15 anni, studiando con un trombettista russo. Ha incontrato il suo idolo Dizzy Gillespie nel 1977, che prontamente è diventato suo mentore, suonando con lui in diversi concerti in Europa e Cuba . Dopo aver registrato un paio di dischi di alto profilo con Irakere , Sandoval ha lasciato il gruppo nel 1981 iniziando una carriera da leader.
Un importante musicista jazz cubano, forse il più noto oggi negli ambienti del jazz contemporaneo, è il pianista Gonzalo Rubalcaba, il cui jazz innovativo e rivoluzionato in stile cubano si esemplifica mediante la sua impressionante tecnica pianistica, peraltro caratteristica non infrequente tra i pianisti cubani . Come i musicisti della sua generazione, Rubalcaba è un prodotto del sistema di educazione musicale cubana. Inizialmente ha studiato sia pianoforte che batteria. Ha iniziato la sua formazione musicale classica presso il Conservatorio Manuel Saumell all'età di 9 anni, dove ha scelto definitivamente pianoforte; si trasferisce poi presso il Conservatorio Amadeo Roldan, e, infine, si diploma in composizione musicale all'Istituto di Belle Arti de L'Avana nel 1983, in un periodo di tempo nel quale stava già suonando in club e sale da concerto.
L’Egrem Studios de l'Avana fu il primo a registrare la sua musica, durante la prima metà degli anni '80. Questi dischi sono ancora rintracciabili, tra cui “Inicio” , un album di assoli di pianoforte, e “Concierto Negro” . Con l’ Orquesta Aragon è stato in tour in Francia e in Africa nel 1980. Ha fatto conoscere in Europa il suo “Grupo Projecto” al Berlino Festival nel 1985. A partire dal 1986 Gonzalo registra per Messidor a Francoforte in Germania, e pubblica tre album per l'etichetta con il suo “quartetto cubano”: “Mi Gran Pasion”, “Live in L'Avana”, e “Giraldilla”.
Gonzalo cominciò a farsi notare seriamente sulla scena jazz quando il suo mentore americano Charlie Haden, lo scoprì e lo propose ad una etichetta-icona del jazz come la Blue Note, per incidere alcuni dischi: “Discovery: Live at Montreux” e “The Blessing” che suscitarono un certo scalpore alla loro pubblicazione nei primissimi anni ’90, iniziando un ciclo discografico per quella etichetta che gli permise di raggiungere una meritata notorietà internazionale in brevissimo tempo.
In un certo senso Rubalcaba, ben più di Valdés e di altri musicisti cubani citati, è da considerarsi il frutto maturo e riuscito artisticamente in ambito di fusione tra la musica cubana e il jazz, privo di quegli esotismi e manierismi di sorta che non infrequentemente hanno viziato la qualità della musica di genere cubano o latino. Una sorta di punto d’arrivo di una lunga storia e di un lungo processo ultra secolare che continua e che in questo articolo abbiamo in qualche modo cercato di ripercorrere.


 

 

Commenti   

#1 Giovanna 2015-10-21 22:27
Davvero grazie per questo articolo, molto interessante, bye
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna