Stampa

Claudio Quartarone - Metodo per chitarristi improvvisatori. Visione modale del sistema tonale

Scritto da Redazione on . Postato in Libri

Un manuale frutto di decenni di esperienza di Claudio Quartarone, mirato a fornire tutti i principali strumenti per avere una visione chiara dei processi creativi e metodologici per acquisire la padronanza delle scale, dell'armonia e quindi dell'improvvisazione. Ricco di esempi pratici ed utilissimi esercizi, si articola coinvolgendo il lettore in un connubio di teoria ed applicazione pratica. Un manuale atto a riflettere la luce creativa stessa del lettore, che, confrontandosi con esso, arricchirà le proprie possibilità in musica...


Metodo per chitarristi improvvisatori. Visione modale del sistema tonaleUn manuale frutto di decenni di esperienza di Claudio Quartarone, mirato a fornire tutti i principali strumenti per avere una visione chiara dei processi creativi e metodologici per acquisire la padronanza delle scale, dell'armonia e quindi dell'improvvisazione. Ricco di esempi pratici ed utilissimi esercizi, si articola coinvolgendo il lettore in un connubio di teoria ed applicazione pratica. Un manuale atto a riflettere la luce creativa stessa del lettore, che, confrontandosi con esso, arricchirà le proprie possibilità in musica.
"Nel nostro universo tutto è vibrazione, nel ventunesimo secolo ci troviamo di fronte ad uno sconfinato ventaglio di sonorità, culture e colori, che caratterizzano ciò che chiamiamo Musica su questo pianeta. In qualità di musicisti, dobbiamo interpretare un ruolo attivo e non relegato al mero ascolto. La nostra attenzione deve essere rivolta, infatti, alla comprensione della logica e dei processi che portano alla formazione ordinata dei suoni. Ho scritto questo manuale, rivolto a chi già possiede una conoscenza armonica di base, tentando di fare chiarezza su concetti noti, che, molto spesso sono come annebbiati da una nube di confusione, che aleggia soprattutto su chi si sta affacciando a questo mondo."
Claudio Quartarone è considerato uno dei più grandi chitarristi italiani della sua generazione, musicalmente versatile ma strettamente ancorato alla tradizione classica di cui ha esteso i confini. Inizia lo studio della chitarra classica all'età di otto anni, strumento attraverso il quale si fa subito notare per il grande talento. Già dall'età di nove anni si esibisce regolarmente in chitarra solo, vincendo numerosissimi concorsi musicali, tanto da essere considerato nell'ambiente della chitarra classica un enfant prodige. Nel 2007 vince, attraverso la fondazione Siena Jazz, una borsa di studio per rappresentare l'Italia al convegno internazionale "I.A.S.J." in Lettonia , premio istituito nel 1989 da Dave Liebman . Durante l'esperienza senese viene notato dal trombettista Enrico Rava, il quale decide di coinvolgerlo nella sua band "Special Edition", con la quale si esibirà in diversi Jazz Festival sul territorio nazionale. Lo stesso Rava elogia il suo talento dichiarando al Corriere della Sera: "Un chitarrista veramente incredibile, penso non ho mai sentito in Italia uno così, si chiama Quartarone, viene da Catania, come Francesco Cafiso, quella zona sta dando musicisti mostruosi"
Ha collaborato con alcuni dei maggiori esponenti del jazz italiano, oltre che avere una intensa attività come compositore. Incide infatti dischi per la Rai, questi, oltre ai suoi lavori come produttore discografico, gli hanno permesso di imporsi sulla scena musicale italiana come punto di riferimento chitarristico oltre le sole consuetudini del jazz.

(comunicato stampa)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna