Stampa

Gianfranco Nissola - Uri Caine. Storia di un grande pianista jazz

Scritto da Redazione on . Postato in Libri

"Sono una persona che spera di continuare a poter suonare con gente diversa, e in situazioni diverse proprio come faccio oggi qui. Ho tanti amici e mi piace proseguire così provando e mettendomi in gioco in varie situazioni, ma le persone vanno e vengono, e anche le esperienze si fanno e poi passano e alcune si ripetono e tornano, altre invece si abbandonano e muoiono lì."


Uri Caine. Storia di un grande pianista jazz"Sono una persona che spera di continuare a poter suonare con gente diversa, e in situazioni diverse proprio come faccio oggi qui. Ho tanti amici e mi piace proseguire così provando e mettendomi in gioco in varie situazioni, ma le persone vanno e vengono, e anche le esperienze si fanno e poi passano e alcune si ripetono e tornano, altre invece si abbandonano e muoiono lì.
È una continua evoluzione, un evolversi, non c'è nulla di «fisso». Nella mia musica c'è tutto me stesso, non potrebbe essere altrimenti. Cerco di mettere la mia energia, tutta la mia forza e mi esprimo e mi sento in modo diverso a seconda delle situazioni in cui sono chiamato a suonare: solo un paio di musicisti, oppure un gruppo, un ensemble, da solo, eccetera.
Il desiderio è sempre quello di suonare musica, ma l'espressione cambia a seconda delle persone che incontri e con cui fai quell'esperienza. Personalmente preferisco suonare in compagnia, perché sono più abituato, ho più esperienza, e mi piace l'idea di suonare in un gruppo con le sue dinamiche, relazioni e modalità di interagire". (Uri Caine)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna