Stampa

Ishmael Reed - Mumbo Jumbo

Scritto da Redazione on . Postato in Libri

Brillante ed eccentrico, Mumbo Jumbo è un’elegia e una rivendicazione della cultura africana in tutte le sue manifestazioni e latitudini, dalla mitologia egizia al VooDoo, al blues e al dixieland. È una fiera rivendicazione del ruolo africano nella storia della cultura occidentale, dall’antichità a oggi. È anche un trattato di controstoria degli Stati Uniti, un hard-boiled mistico che si svolge ad Harlem negli anni Venti.


Mumbo JumboBrillante ed eccentrico, Mumbo Jumbo è un’elegia e una rivendicazione della cultura africana in tutte le sue manifestazioni e latitudini, dalla mitologia egizia al VooDoo, al blues e al dixieland. È una fiera rivendicazione del ruolo africano nella storia della cultura occidentale, dall’antichità a oggi. È anche un trattato di controstoria degli Stati Uniti, un hard-boiled mistico che si svolge ad Harlem negli anni Venti – l’epoca della Black Renaissance – e ha come protagonista un detective animista, Papa LaBas, aiutato nell’indagine da Black Herman, mago e illusionista, alle prese con un’epidemia di Jes Grew, virus diffuso tramite il jazz che spinge i bianchi a ballare fino allo sfinimento.
Sullo sfondo, la guerra sporca degli Stati Uniti contro Haiti. L’intera civiltà moderna viene analizzata attraverso un capovolgimento di prospettiva, in cui la storia incrocia l’allucinarsi della verità.
Mumbo Jumbo, che torna ai lettori dopo una lunghissima assenza, è un giallo VooDoo, un libro di black fantasy, una satira: un’opera di puro genio che diverte, sorprende e stupisce, e probabilmente uno dei più clamorosi libri di culto di sempre.
Con una nota di Elèmire Zolla.

La grandezza di Ishmael Reed è acclamata da Thomas Pynchon nell’Arcobaleno delle Gravità, che è un gran complimento. Mumbo Jumbo è una sorta di classico nei circoli letterari sperimentali, e a buona ragione: è caleidoscopico, selvaggio, incisivo e spassoso, e fornisce una storia alternativa della cultura afroamericana. Un romanzo magnifico, che merita tutta la sua fama, e anche di più. (Rick Moody)

Ishmael Reed: un nome mitico per chiunque si occupi di poesia e letteratura afroamericana, di jazz, di “black culture”. (Luigi Onori - Il manifesto)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna